20 marzo 2011

RICETTA

Ciao a tutti quelli che mi  stanno leggendo. Ho pensato di dare un'aria nuova a queste pagine inserendo ricette, video e tante idee.
Cominciamo con una ricetta :

                                   Involtini di tacchino con  prugne       

Ingredienti per 4 persone : 8 fette di tacchino sottili - 26 prugne secche senza nocciolo - 8 fette sottili di provolone affumicato - mezzo bicchiere di vino bianco - sale - pepe - olio extravergine d'oliva - 4 chiodi di garofano.

Preparare gli involtini deponendo su ciascuna fetta di tacchino poco sale, pepe, 1 fetta di provolone e 2 prugne secche. Arrotolare ciascuna fetta e formare gli involtini fermandoli con stecchini. Mettere poco olio in una padella antiaderente e scaldare leggermente, aggiungere gli involtini e farli rosolare a fuoco medio girandoli spesso. Dopo circa 10 minuti aggiungere il vino bianco, sale (oppure un po' di insaporitore x arrosti ) coprite e lasciate cuocere a fuoco medio basso per altri 10 minuti girando ogni tanto gli involtini.                               
Contemporaneamente all'inizio della cottura degli involtini, mettere in un pentolino le 10 prugne rimaste con i 4 chiodi di garofano,  un bicchiere d'acqua e lasciare bollire per 15 minuti. Se avete in casa l' infusore per fare il tè che vedete qui a fianco, metteteci i chiodi di garofano, farete prima a toglierli. Passati 15 minuti spegnere, togliere i chiodi di garofano, scolare l'acqua in un bicchiere e in una tazza tritare le prugne con il frullatore ad immersione aggiungendo poco alla volta l'acqua di cottura avendo cura di tenere la salsa un po' compatta.
Servire gli involtini caldi e a parte la salsa di prugne.
E' un piatto veloce, semplice, con un delicato contrasto dolce salato...                                                                  

                                                          BUON APPETITO!!!!

2 novembre 2008

CHE MERAVIGLIA !!!

Sappiamo ancora meravigliarci?
Ormai, presi da mille impegni, da orari da rispettare, scadenze ed impegni, stiamo perdendo il valore e la bellezza della vita!
Quante volte, mentre siamo per strada, ci guardiamo intorno e guardiamo ciò che ci circonda?
Eppure la vita pullula intorno a noi, ma spesso non ce ne accorgiamo...
La vita scorre veloce e a volte può succedere che finisca all'improvviso e noi che stavamo facendo?
Eravamo assenti, distratti da mille impegni...cosa abbiamo fatto? Risolto mille problemi tranne il più essenziale: vivere...Sì, vivere è qualcosa che già "facciamo" , ma siamo realmente sicuri che questa è vita ?
Ho capito che per me, la vita e vivere è ben altro...
Vivere è accorgersi di tutto ciò che ci circonda, vedere con occhi nuovi ed aperti quante bellezze ci offre la natura, gratis, ogni giorno.
Osservate gli alberi, in questi giorni sono bellissimi, sono un'esplosione di colori che variano dal verde al rosso fuoco, dal giallo intenso al marrone...il sole illumina questi colori che risaltano ancora di più e prendono a scintillare ravvivando le giornate che iniziano ad accorciarsi e ad ingrigirsi...Vi pare poco?
Gli uccelli cantano e si rincorrono giocosi nell'aria che respiriamo meccanicamente..
Dobbiamo rallentare il passo dobbiamo a noi stessi il diritto di accorgerci dove siamo e di cosa facciamo parte.
Dobbiamo rallentare per poter vedere, per poter gustare la vita, questa vita ora, non si può rimandare potrebbe essere tardi... forse troppo tardi!
Guardiamo la natura e riscopriamo noi stessi, la nostra essenza, chi siamo, cosa vogliamo.
Occorre tacere, stare in silenzio, ascoltare.
E' faticoso tacere, abituati ad ascoltare sempre qualcosa: musica, cellulare, radio, televisione...ci riempiamo di cose che non servono, che ci svuotano.
Silenzio, ascolto di sé... silenzio! Ascoltiamo noi stessi, troveremo una miriade di risposte alle mille domande, ai mille problemi.
Spesso parliamo tanto, facciamo mille cose di corsa, siamo tutti indaffarati e dimentichiamo di vivere di assaporare quello che stiamo vivendo, compiamo azioni, corriamo tutto il giorno presi dal fare, fare, fare.      La vita va' assaporata attimo per attimo, qualunque cosa stiamo facendo acquista un valore diverso, più grande e così cresce il rispetto per se' stessi e anche per le altre persone.

SPITI ottobre 22, 2008 01:06

TRASFORMAZIONE





Eccomi...di nuovo, ricominciare...

che voglio veramente essere...

diventare...?

Voglio di nuovo sperare,

AMARE...

Gioire, cantare...

Sono in continua trasformazione,

nulla mi può fermare...

voglio di nuovo vivere,

danzare...

Ecco un nuovo giorno arrivare,

con gioia lo voglio salutare,

lo vivo con grande amore...

ogni giorno è il migliore!!!






SPITI mercoledì, 22 ottobre 2008

LA FORZA DEL SORRISO

Il sorriso è qualcosa di potente, è un mezzo eccellente per comunicare senza parole ciò che il cuore racchiude...
Ho provato a sorridere con sincerità alle persone che incontro e devo dire che ha un effetto forte e sconvolgente. Predispone positivamente, chi lo riceve e abbatte l'indifferenza. Sono stata in ospedale per un'operazione e sono rimasta ricoverata una settimana....ho sorriso sempre a tutti, con il cuore pieno di gratitudine per le cure che mi venivano date...vi sembrerà strano, ma tutti erano cordiali con me, gentili, sorridenti... questo è il potere del sorriso, un potere enorme, che riscalda i cuori anche alle anime più fredde e le fa sperare, le fa sentire amate e considerate; ti fa sentire bene e più sorridi più hai voglia di sorridere e di vedere le reazioni delle persone che ormai sono poco abituate a questa espressione di benevolenza verso gli altri... Si è così presi dal correre, lavorare, fare, fare, fare, che non ci si guarda quasi più in faccia e ci si sorride poco... cerchiamo di sorridere di più !!!


spiti venerdì, 03 ottobre 2008

AMORE




Ero morta, ero spenta, ero vuota...

Una luce, un bagliore, un gesto d'amore...

Dove sei, dove sono...

Il mio cuore, il tuo cuore...

Non è più un solo cuore...

Sono sola...

Un solo cuore, un solo Amore...

Il mio cuore!!!

Una Luce, un Bagliore, un Gesto d'Amore...

non ci sei, io ci sono...

il mio cuore è pieno d' Amore...

non son più sola,

son' io l' AMORE !!!





spiti martedì, 16 settembre 2008

Esisti!




Quante volte ti ho cercato...

Quante volte ti ho sognato...

Lo sguardo limpido e solare,

le tue labbra da baciare...

solo un sogno...

un' illusione...

quando, un giorno...

ma...sei reale...

non più un sogno...

un' illusione...

le tue labbra da baciare,

lo sguardo limpido e solare...





Spiti martedì, 26 agosto 2008

SII FELICE

...Siamo martellati ogni giorno da notizie drammatiche, omicidi, disastri, morti... sbattuti sulle tavole apparecchiate come fossero il sale dei nostri pasti, un sale nocivo negativo che non procura altro che amarezza, tristezza, orrore...
Io da un po' di tempo voglio recepire solo cose e notizie belle, mi voglio circondare di energie positive...il risultato è che amo di più la vita.
Ho desiderato cambiare il mio modo di pensare ed essere positiva in ogni circostanza, sono riuscita a capire che in ogni situazione, anche nella più tragica si può vedere e constatare che non esiste male senza bene...bisogna solo essere attenti e positivi, bisogna credere che ogni esperienza che viviamo è per ciascuno di noi una crescita interiore che ci può portare alla felicità.
Dipende da noi, dal nostro atteggiamento interiore...se siamo pessimisti e pensiamo negativo, attiriamo situazioni negative; se siamo positivi e pensiamo positivo, si manifestano situazioni positive....
Amo la vita come mai prima d'ora e la vita mia è piena di situazioni bellissime, grandi desideri che si stanno realizzando perché io li sento già reali e ho un forte senso di gratitudine, verso l'universo, molto forte e veramente autentico, un senso di gratitudine che non è superficiale, ma nasce dal cuore con grande partecipazione di tutta me stessa.
Amate la vita, vivetela con gioia e con la certezza che tutto si può avverare, perché noi siamo ciò che pensiamo e l' Amore porta Amore; la gioia ci ricolma di gioia e di salute che irradiamo anche intorno a noi come tanti Soli.
Siate felici e la felicità non vi lascerà mai...
Auguro a tutti una vita felice nell'amore e nella gioia.


Spiti
postato da: spitianna alle ore agosto 26, 2008 01:25

AMARE


Ciao, eccomi di nuovo dopo un po' di silenzio...
E' importante per me, fare silenzio e ascoltare il silenzio, che è molto eloquente...
Sono in pace con me stessa, nonostante tutte le avversità di questi mesi, sia di origine fisica, che sentimentale.
Mi chiedo se oggi come oggi certi valori esistono ancora o no...
L'Amore sia verso il prossimo che per una persona in particolare, è ancora un valore in cui credere e per il quale si è disposti a mettersi in gioco, oppure esiste solo amore per sé stessi per ciò che dà piacere, senza compromettersi ed impegnarsi più di tanto...? Perché le coppie non durano e nelle difficoltà della vita si lasciano anziché crescere insieme e rafforzare il rapporto di coppia?
Viviamo solo per noi stessi e per il nostro "benessere", noncuranti che l'egoismo uccide i sentimenti e pian piano noi stessi, minandoci nel nostro intimo, dentro di noi in ciò che siamo realmente e che nascondiamo a noi stessi e agli altri.
Ci stiamo impoverendo ogni giorno di più, così legati alle apparenze e dimenticando che ciò che dà vita all'essere umano è l'Amore, il vero Amore, non quello per se stessi, ma quello altruista; quello disposto a condividere con un'altra persona le proprie esperienze di vita, il proprio cammino di crescita, la scoperta di sé stessi giorno dopo giorno come una grande avventura a due, tenendosi per mano e sostenendosi a vicenda.
Perché è così difficile riuscire a parlarsi, mettersi a nudo nel proprio intimo davanti alla persona che diciamo di amare?
Forse non è amore vero..., dobbiamo stare sulla difensiva e non scoprirci troppo, per non essere esposti alle "critiche" del nostro/a partner...?!
Quando si ama una persona, si vuole fare bella figura e fare vedere solo il meglio di sé, ma amare vuol dire volere il bene dell'altro oltre che al mio....
Amare vuol dire completarsi a vicenda, quello che a me manca lo trovo nel mio/a partner, non c'è competizione o uno più bravo dell'altro, solo due persone che vogliono vivere la propria vita a fianco di un/a compagno/a con il quale vivere e con-dividere insieme gioie e dolori che si presenteranno nel proprio cammino di vita..
Spesso osservo le persone che incontro e provo gioia e speranza quando vedo delle coppie di mezza età che si tengono teneramente per mano, o camminano abbracciati come giovani fidanzatini.
Voglio augurare a tutti (anche a me stessa) di poter vivere la vita di coppia serenamente, nell'amore e comprensione reciproca, affrontando insieme le difficoltà della vita e sostenendosi a vicenda grazie a un amore forte, durevole, coraggioso e maturo.


spiti domenica, 13 luglio 2008

12 febbraio 2007

FILIPPO RACITI

Sono molto amareggiata e ancora una volta delusa da chi decreta certe leggi...
Penso che qui in Italia i nostri governanti siano un po' troppo superficiali nell'approvare e fare rispettare le leggi, sopratutto quelle che riguardano certi tipi di reati.
Non é possibile che vengano uccise persone ed i colpevoli dopo poco sono già fuori, per poi continuare a fare danni... Purtroppo la morte dell' ispettore Raciti, non é altro che l'ennesima prova che lo Stato non sa?... non può?... non vuole? mettere fine a questi continui sfoghi di violenza contro chi fa il proprio dovere!!!... non solo, anche contro chi non fa nulla di male, ma ha la sfortuna di attraversare mentre arriva un pirata della strada... oppure donne che, nonostante denuncino violenze da parte dei mariti non ci sono leggi che possono tutelare queste donne e poi salta fuori che sono uccise dai mariti...
Vogliamo ricordare cosa è successo a Genova?
Ci sono sempre i gruppi di ragazzi che non vedono l'ora di poter mescolarsi ai pacifisti, per poi distruggere negozi, picchiare gente innocente, distruggere di tutto e di più, sfogarsi anche e soprotutto con i poliziotti.
Infatti a Genova hanno assalito circondandola una camionetta della polizia... come sappiamo tutti ci fu la morte di un ragazzo, al quale tra l'altro hanno dedicato una strada... un po' discutibile secondo me.
Quante strade sono state dedicate ai poliziotti o ai carabinieri, morti mentre stavano svolgento il loro dovere, difendendoci dai delinquenti, o ai militari e di nuovo ai carabinieri chiamati ad andare a combattere o cercare di tenere la pace nei paesi in guerra???
Quello che penso io, ma credo sia anche il pensiero di buona parte degli Italiani è che se le leggi non tutelano abbastanza i cittadini, vanno cambiate, devono essere più dure e restrittive, con punizioni vere (per i pirati della strada, per chi violenta bambini o donne, chi uccide poliziotti, carabinieri, tabaccai, orefici o qualunque persona).
L'indulto è stato lo sbaglio più grosso che potessero fare, ne è la prova che ogni giorno si sentono reati commessi da persone appena uscite con l'indulto... Senza contare che i carcerati vengono anche pagati (vedi sito).
Questo potrei anche capirlo, ma quello che non capisco è l'inesistenza di pene severe per crimini che a me sembrano molto gravi (quelli di cui accennavo sopra).
Ormai sono troppi gli scoppi di violenza negli stadi, a causa dei soliti gruppi a cui piace sfogare la propria ferocia su altre persone.

Vorrei che dedicassero una piazza all' ispettore Raciti e spero che diano alla moglie un vitalizio, anche se non c'é nulla che può riportare indietro un marito e tanto meno un padre...

Ultima osservazione: io ho molto rispetto per i poliziotti , carabinieri e forze dell'ordine in generale, perché vivono in continuo pericolo di morire, sono anche pagati poco, in più non sono sempre rispettati e benvoluti. (...si sa che le persone scorrette sono dappertutto, in ogni ambiente di lavoro, ma questo non é un motivo per screditare tutti quelli che lavorano bene e coscientemente.)

spiti

http://www.terre.it/giornale/articoli/46.html

21 gennaio 2007

Di tutti i crimini commessi contro Dio, contro il creato e contro l’umanità questo è fra i più vergognosi!

Le immagini che seguono sono estremamente dure, però riteniamo doveroso mostrarle, perché fatti così gravi non devono passare inosservati. Il mondo deve sapere, la gente deve essere informata di quanto accade in Cina, di come possa disumanamente divenire normalità il disprezzo per la vita.
Una bimba appena nata giace morta sotto il bordo del marciapiedi, nella totale indifferenza di coloro che passano.
La piccina è solo un'altra vittima della politica crudele del governo cinese che pone il limite massimo di un solo figlio nelle città (due nelle zone rurali), con aborto obbligatorio.
Nel corso della giornata, la gente passa ignorando il bebè. Automobili e biciclette passano schizzando fango sul cadaverino.
Di quelli che passano, solo pochi prestano attenzione.
La neonata fa parte delle oltre 1000 bambine abbandonate appena nate ogni anno, in conseguenza della politica del governo cinese.
L'unica persona che ha cercato di aiutare questa bambina ha dichiarato: "Credo che stesse già per morire, tuttavia era ancora calda e perdeva sangue dalle narici".
Questa signora ha chiamato l'Emergenza però non è arrivato nessuno.
"Il bebè stava vicino agli uffici fiscali del governo e molte persone passavano ma nessuno faceva nulla...
Ho scattato queste foto perché era una cosa terribile..."
"I poliziotti, quando sono arrivati,sembravano preoccuparsi più per le mie foto che non per la piccina..."
In Cina, molti ritengono che le bambine siano spazzatura.
Il governo della Cina, il paese più popoloso del mondo con 1,3 miliardi di persone, ha imposto la sua politica di restrizione della natalità nel 1979.
I metodi usati però causano orrore e sofferenza: i cittadini, per il terrore di essere scoperti dal governo, uccidono o abbandonano i propri neonati.
Ufficialmente, il governo condanna l'uso della forza e della crudeltà per controllare le nascite; però, nella pratica quotidiana, gli incaricati del controllo subiscono tali pressioni allo scopo di limitare la natalità, che formano dei veri e propri "squadroni dell'aborto".
Questi squadroni catturano le donne "illegalmente incinte" e le tengono in carcere finché non si rassegnano a sottoporsi all'aborto.
In caso contrario, i figli "nati illegalmente" non hanno diritto alle cure mediche, all'istruzione, né ad alcuna altra assistenza sociale.
Molti padri vendono i propri "figli illegali" ad altre coppie, per evitare il castigo del governo cinese.
Essendo di gran lunga preferito il figlio maschio, le bambine rappresentano le principali vittime della limitazione delle nascite.
Normalmente le ragazze continuano a vivere con la famiglia dopo del matrimonio e ciò le rende un vero e proprio peso.
Nelle regioni rurali si permette un secondo figlio, ma se anche il secondo è una femmina, la cosa rappresenta un disastro per la famiglia.


Secondo i dati delle statistiche ufficiali, il 97,5% degli aborti è rappresentato da feti femminili.
Il risultato è un forte squilibrio di proporzioni fra popolazione maschile e femminile.
Milioni di uomini non possono sposarsi, da ciò consegue il traffico di donne.
L'aborto selezionato per sesso sarebbe proibito dalla legge, però è prassi comune corrompere gli addetti per ottenere un'ecografia dalla quale conoscere il sesso del nascituro.
Le bambine che sopravvivono finiscono in precari orfanotrofi.
Il governo cinese insiste con la sua politica di limitare le nascite e ignora il problema della discriminazione contro le bambine.
Alla fine, un uomo raccolse il corpo della bambina, lo mise in una scatola e lo gettò nel bidone della spazzatura.

Ho trovato queste immagini su internet e, visto il mio articolo precedente, ho ritenuto giusto pubblicarle a conferma della crudeltà dei governanti cinesi.
spiti .

14 gennaio 2007

DIRITTO ALLA VITA DIGNITOSA

Dopo alcune vicende seguite sui giornali, sul valore della vita, seguite da tante polemiche, alla richiesta di essere staccati dalle macchine, che fanno vegetare alcuni esseri umani molto sfortunati, mi sono chiesta a che livello di accanimento terapeutico stiamo arrivando. Io sono per la salvaguardia della vita, ma non vorrei certo vivere senza poter comunicare con la parola ed essere costretta a sofferenze sempre maggiori aspettando di morire, perché magari si rompe la macchina che mi tiene legata ad una vita che vita non è e non ha nulla di dignitoso. Ripeto questo è ciò che penso io, che vorrei per me, se mi dovesse succedere qualcosa che debba portare a decidere se attaccarmi ad una macchina o no.
Penso che, sopratutto per i giornalisti, certe notizie sono per loro un invito a nozze come lo è stato l'impiccagione di Saddam Hussein, polemiche a non finire, sondaggi, non si parlava d'altro.
Si parla di tante cose certamente importanti, ma possibile che ancora esistano paesi come la Cina, l' India ed altri dove le bambine appena nate vengono uccise e se non le uccidono sono trattate peggio degli animali, non vengono nutrite abbastanza, non vengono curate sono rese schiave, negano loro l' istruzione, ed altro...
Di loro non ne parlano sono piccoli esseri indifesi, abbandonati anche dai loro stessi genitori.
E' vergognoso quello che succede e sembra non interessare a nessuno, perché non se ne parla?
Perché nessuno dei grandi potenti della terra fa qualche cosa?
Come si può fare per fermare queste malvagità che vanno avanti da anni...?

Spiti

Ecco alcuni siti informativi:

www.ecologiasociale.org/pg/dum_fem_cina2.html

www.torremaura.it/ormedidonna/societa2.htm

www.amnesty.it/educazione/formazione/mainstreaming/bambini/nascere.html

www.cinaoggi.it/attualita/miliardo-figli-unici2.htm

www.asianews.it/view.php?l=it&art=546

12 gennaio 2007

CHI DA' RICEVE

Ciao a tutti e anche se in ritardo...auguro a tutti un 2007 sereno, felice e in salute.

Il mio impegno di quest'anno è: "Da' gratuitamente"

Vorrei che ci fosse un maggior impegno da parte di ogni persona (iniziando da me), ad essere più attenti a chi incontriamo, ogni momento della nostra giornata, al così detto prossimo.
A volte basta proprio poco...un sorriso, una piccola cortesia, che fa bene agli altri, ed altrettanto bene a noi.
Una piccola cosa che faccio spesso è questa: quando pago la sosta per l' auto e vado via prima che scada il biglietto, mi guardo intorno e se vedo un' altra auto in arrivo, offro gratuitamente il mio biglietto (che permette di sostare mezz'ora o più) al nuovo/a arrivato/a.

E' molto bello vedere le facce sorprese da questo gesto gratuito ed inatteso...

Vi racconto " un' antica storia cassidica " per me molto significativa.

Un rabbino stava conversando con Dio sul paradiso e l' inferno: " Ti mostrerò l' inferno" , disse il Signore, e condusse il rabbino in una stanza che conteneva un gruppo di persone affamate e disperate sedute intorno a un grande tavolo rotondo. In mezzo al tavolo c' era un enorme pentola di stufato che sarebbe stato più che sufficiente per tutti. Il profumo dello stufato era delizioso e fece venire l'acquolina in bocca al rabbino. E tuttavia nessuno mangiava. Ogni commensale teneva in mano un cucchiaio abbastanza lungo da poter raggiungere la pentola e tirare su una cucchiaiata di stufato, ma troppo lungo per portare il cibo alla bocca.
Il rabbino vide che la loro sofferenza era davvero terribile e chinò la testa con compassione. " Ora ti mostrerò il paradiso", disse il Signore, ed entrarono in un'altra stanza, identica alla prima con lo stesso tavolo rotondo, la stessa enorme pentola di stufato, gli stessi cucchiai dai lunghi manici.
Tuttavia, c'era
allegria nell'aria, e tutti apparivano ben nutriti, paffuti ed esuberanti. Il rabbino non riusci' a capire e guardò il Signore. " E' semplice - disse il Signore - ma richiede una certa capacità. Vedi le persone che sono qui hanno imparato ad imboccarsi reciprocamente".  

Che ne pensate???...Vogliamo acquisire già da ora questa " capacità "....



Ciao a tutti....Spiti

24 novembre 2006

IL SOLE E IL MIO CUORE


Il mio cuore è come il sole,
ci sono giorni che risplende donando a tutti il suo calore,
altri, risplende meno, sembra assente.
Il sole, come anche il mio cuore, c'è sempre
anche se nuvole o nebbia lo coprono raffreddando il suo calore.
Quando viene sera e lo si vede tramontare,
regala ogni volta un'emozione diversa.
I suoi colori, le sfumature, i riflessi, non sono mai uguali.
Anche il mio cuore, giorni risplende d'amore,
altri l'amore è meno visibile a causa del dolore.
Le sere non sono tutte uguali,
a volte irradia ancora amore anche nel dolore,
altre è il dolore che nasconde l'amore.
spiti